#FCLMblog ~ From Italy to Russia, the first and the only site about Lokomotiv for the English speaking fans worldwide

Wednesday, 28 August 2013

6a giornata RPL 2013-2014.

Si conclude in pareggio il primo big match di questo turno, quello tra Dinamo e Zenit. Apre Dzsudzsak, molto in palla nonostante il gol, che con un tiro dal limite dall'area deviato riesce a battere un Lodigin praticamente perfetto. Chiude Kerzhakov nei minuti di recupero, con un bel colpo di testa su assist del solito Shirokov. Beffa finale per i padroni di casa, ma lo Zenit ci ha creduto sino alla fine. I 'Poliziotti' probabilmente non meritavano di perdere questi punti, ma se alla lunga sprechi tante occasioni, alla fine vieni sempre punito. Spalletti intanto si prende in un certo senso la 'vendetta' di un paio di stagioni fa, quando invece fu la Dinamo a pareggiare all'ultimo secondo... Alla fine, invece, il CSKA in Siberia riesce a ribaltare la gara. Apre prima la formazione di Tomsk con il giovane interessante Portnyagin, il quale con un facile tap-in a porta vuota non ha problemi a battere Akinfeev. Poi, però, ci pensano Musa e Doumbia a raddrizzarla, salendo in cattedra e portando il risultato sul definitivo 2 a 1. Molto rammarico in casa Tom' ancora fermo a 0 punti. Club dell'esercito, invece, che si porta in cima alla classifica. Successo vitale per il Volga nella sfida salvezza contro il Terek. A segno Putsilo con una gran bella serpentina. Ceceni nei guai. Il Terek attuale è ai limiti del ridicolo, mi dispiace ma come abbiamo già detto tutte le colpe ricadono su Krasnozhan. Cherchesov con la stessa rosa praticamente fece addirittura meglio. Ok che quello fu un miracolo, ma se continuano così, i Ceceni rischiano veramente di retrocedere. Bene invece i 'Volzhane', che pur soffrendo si portano a casa tre punti fondamentali nella corsa salvezza. Perde ancora l'Anzhi, che si era illuso al termine della prima frazione di gioco grazie a una grande conclusione di Ahmedov dalla distanza, sulla quale Filtsov non appare irresistibile. Poi, però, il Krasnodar si sveglia e la porta a casa. Prima Pereyra su respinta pareggia, poi Wanderson servito ottimamente da un assist di Mamaev di tacco la chiude. 2 punti su 18 disponibili per la squadra Makhachkala, ho detto tutto. Meglio i 'Tori' che continuano l'assalto alle zone europee. Brutto stop in casa per il Rubin' che pareggia con il Krylya. Reti molto simili per entrambe le compagini. Di testa segnano il turco Karadeniz e la promessa Tsallagov, quest'ultimo sempre più decisivo a Samara. Per gli ospiti questo è un importante punto nella lotta salvezza. A Krasnodar va di scena la partita, insieme a Lokomotiv-Rostov, più divertente della giornata. Prima una fantastica conclusione di Khubulov, grande talento, porta in vantaggio i gialloverdi. Poi, risponde subito l'Ural con il colpo di testa di Erokhin, altro interessante giocatore cresciuto nella Lokomotiv. Passa poco e il Kuban' va di nuovo avanti. Infatti, Djibril Cissé segna il suo primo gol in Russia, su un rigore dubbio. Gli 'Arancioni' però non mollano e pareggiano immediatamente. Sempre su rigore questo per me ancora più generoso, Acevedo spiazza capitan Belenov. Nel finale è ancora il centravanti francese a riportare avanti i padroni di casa, grazie anche all'assist del sempre ottimo Kaborè. Cinque gol in 45', come biglietto da visita per questo campionato non è male. Nella ripresa i 'Cosacchi' sbagliano tanto, soltanto per questo il parziale rimane invariato. Chiude lo Spartak, che dopo le fatiche di Coppa è atteso dal duro match di Perm' contro l'Amkar. Un campo insidioso che ha riservato una brutta sorpresa agli uomini di Karpin. Padroni di casa che passano in vantaggio per primi grazie a un bel tiro di Peev che sorprende Pesjakov e mette subito la gara in salita per i 'Myaso'. Un Amkar ben messo in campo, che però spreca due cambi per infortunio nel giro di pochi minuti. Un brutta scossa per gli uomini di Cherchesov, visto che inizia la ripresa e lo Spartak pareggia subito con Yakovlev dopo un'azione confusionaria, con la gara che si riaccende. Tuttavia, l'incredibile deve ancora accadere. Infatti, torna in vantaggio l'Amkar. Frittata in difesa per i rossobianchi, con Jakubko che davanti a Pesjakov non sbaglia. Nel finale gli ospiti rimangono anche in 10 per l'espulsione di Insaurralde. Brutto crollo per loro. Bene l'Amkar', invece, che si dimostra come sempre tosto.









МКОМАНДАИО
1ЦСКА614
2ЛОКОМОТИВ613
3РОСТОВ613
4СПАРТАК611
5ЗЕНИТ611
6АМКАР69
7КУБАНЬ69
8ДИНАМО69
9КРАСНОДАР68
10РУБИН68
11ВОЛГА67
12КР. СОВЕТОВ66
13УРАЛ65
14ТЕРЕК62
15АНЖИ62
16ТОМЬ60

No comments:

Post a comment