#FCLMblog ~ From Italy to Russia, the first and the only site about Lokomotiv for the English speaking fans worldwide

Friday, 12 July 2013

Sychev si trasferisce al Volga Nizhny Novgorod.


Cari lettori, mi duole dirlo, ma un'altra leggenda abbandona Cherkizovo. Dopo Loskov, a cui non è stato rinnovato il contratto e a cui stanno organizzando la partita d'addio, anche Sychev lascia la Lokomotiv. Dima si trasferisce, infatti, al Volga Nizhny Novgorod, club che da tempi non sospetti è in una crisi finanziaria mica da ridere. Insieme a lui sono arrivati nei "Volzhane" anche Leandro e Kontsedalov, altro bel giocatore che è cresciuto proprio nel nostro vivaio. Senza dubbio a quelle latitudini Dima potrà fare la differenza, così com'è successo per breve tempo alla Dynamo Minsk, dove nell'ultima partita in casa giocata proprio ieri ha offerto ai propri tifosi una sontuosa prestazione, coronata da due gol e un rigore sbagliato. 

Nato a Omsk, inizia la sua carriera da calciatore nella Dinamo Omsk, per poi passare prima alla Smena San Pietroburgo e poi allo Spartak Tambov nel 2000. Qui, dopo un anno e mezzo a grandi livelli, Dmitry ha la possibilità di fare il salto di qualità. Su di lui tanti top club europei, ma umilmente decide di rimanere in Russia per maturare ulteriormente, trasferendosi allo Spartak Mosca. In 18 partite segna ben 9 gol e dopo altrettante convincenti partite, abbandona la Madre Patria per la Francia. Ad assicurarsi le sue prestazioni, infatti, è il Marsiglia, con cui in due stagione mette a segno 7 reti in 44 match. Tuttavia, Dmitry non convince appieno e così decide di tornare "a casa", firmando nel 2004 un contratto proprio con la Lokomotiv Mosca. Con i "Ferrovieri" gioca più di 200 gare e diventa un vero e proprio simbolo del club. Con i rossoverdi, Dima vince un campionato russo (2004), una Supercoppa russa (2005), una Kubok Rossii (2007), più svariate medaglie di bronzo. Una carriera di successi ridotta, però, nel 2005, quando l'attaccante di Omsk subisce un grave infortunio contro il Rubin Kazan, che fa crollare i risultati della Lokomotiv e la sua carriera. In totale a Cherkizovo gioca per dieci stagioni, segnando in cinque di esse almeno 12 gol. Con la nomina di Slaven Bilic, Dima perde definitivamente il posto e, così, decide di trasferirsi nel febbraio scorso in prestito alla Dynamo Minsk. In Bielorussia gioca 14 partite e segna tre gol, uno nella Coppa di Bielorussia e due in Europa League contro i lituani del Kruoja. Da luglio 2013, infine, veste (di nuovo prestito) la maglia del Volga Nizhny Novgorod

Il calcio, comunque, è ingiusto. Sychev, che è ancora uno dei miei giocatori preferiti se non il primo, meriterebbe un'altra chance. A Cherkizovo c'è gente che non merita di vestire la nostra maglia, a differenza di Dima che sputerebbe sangue per avere un'altra opportunità. Lo potete chiamare finito, scarso, incostante e chi più ne ha più ne metta, ma il suo valore assoluto è ancora molto alto. Qualche giorno fa ho visto la gara d'andata tra Kruoja e Dinamo Minsk, preliminari di Europa League, vinta dai bielorussi per 3 a 0. Sychev, ovviamente, è partito titolare e non mi è dispiaciuto affatto. L'avversario era davvero modesto, va bene, ma Dima è stato molto propositivo e si è reso protagonista di un paio di giocate niente male. Inoltre, ha fatto anche l'assist per la rete del momentaneo 1 a 0. Non vedo perchè devono giocare titolari Pavlyuchenko e Caicedo che non sono per niente attaccati alla maglia, non hanno motivazione e sono allo stesso livello del nativo di Omsk. Contro i lituani ha giocato sull'esterno nel 4-2-3-1 della Dynamo, ma a Cherkizovo avrebbe potuto benissimo ricoprire il suo ruolo originario, quello di seconda punta, alle spalle di N'Doye. Ora è tardi, tuttavia per me, dovrebbe perdere qualche chilo, ma i colpi in canna ce li ha eccome, quindi al Volga potrà fare bene. Ah, che malinconia...

Grazie di tutto Dima, buona fortuna a Nizhny Novgorod e speriamo in tuo ritorno!

No comments:

Post a comment