#FCLMblog ~ From Italy to Russia, the first and the only site about Lokomotiv for the English speaking fans worldwide

Monday, 30 September 2013

11a giornata: Lokomotiv - Tom' 0-0.

Dopo tre successi di fila, si ferma la striscia di vittorie per la Lokomotiv di Kuchuk. Contro un Tom' ben messo in campo i 'Ferrovieri' giocano malissimo, tornando (si spera) per una sola partita quella squadra che l'anno scorso mancò l'accesso alle coppe europee.


Commento e analisi del match.
Come preventivato, Kuchuk conferma la formazione che a Ekaterinburg ha iniziato la ripresa, vale a dire con Diarra titolare al posto di Tigorev. La partita fin dai primi minuti fa intendere che sarà molto difficile per la Lokomotiv affondare il Tom'. I 'Siberiani', infatti, si mettono immediatamente bene in campo, affiando tutto alla qualità sulla propria trequarti. La prima vera occasione arriva al decimo, ma il colpo di testa di N'Doye su cross di Samedov finisce solo alto sopra la traversa. Il resto del tempo è solo una lunga e dura lotta in mezzo al campo, che vede trionfare prima l'una poi l'altra compagine. Gli ospiti tengono e appena possono tentano l'affondo. Cosa che succede verso la fine dei primi quarantacinque minuti, con il Tom' che si vede annullato un gol di Golyshev (subentrato a causa di un problema fisico di Holenda) ingiustamente per un fuorigioco inesistente. A questo punto i padroni di casa provano subito a reagire, ma il colpo di testa del solito N'Doye viene ben parato da Cebanu, di certo uno tra i migliori dei suoi. Passano pochi secondi e ci prova anche Samedov, ma la conclusione di sinistro dell'ex Dinamo dopo una bella azione personale viene bloccata ancora dal portiere avversario. Nella ripresa il tecnico bielorusso non fa cambi, idem i 'Sibiriyaki' così si riparte con gli stessi undici. La partita non vuole proprio saperne di sbloccarsi, così Kuchuk prova le carte Tkachev, Pavlyuchenko e Caicedo, ma tutte si rivelano inutili. Il Tom' continua a fare un'ottima partita di contenimento e di contropiede, con i rossoverdi che tornano quelli dell'era Bilic, lo spettro del quale si aggira ancora negli spogliatoi di Cherkizovo. Nel finale a mettere ulteriore pepe sul match ci pensano le espulsioni di Bordachev da un parte e di Diarra dall'altra, ma ormai si era capito come doveva andare a finire. Loko che delude e non sfrutta un'occasione irripetibile. Nonostante ciò, i 'Ferrovieri' grazie alla differenza reti volano al secondo posto raggiungendo lo Spartak a meno tre dallo Zenit primo.

Queste le parole di Kuchuk: Oggi la partita non ha avuto la classica scintilla."C'era la scintilla, abbiamo vinto un sacco di scontri aerei in mezzo al campo. Il match è stato molto duro, e in gare del genere non sempre si può mostrare il proprio valore. Oggi abbiamo giocato da zero. Non abbiamo concesso nulla al Tom', che però ha resistito bene, sia negli scontri che nel carattere."  Per la prima volta in stagione la squadra non ha segnato. "Come ho detto, il match è stato molto duro. Con le piogge autunnali, tutti i campi sono morbidi e per questo ci sono un sacco di scontri aerei. Volevamo vincere la lotta in mezzo al campo, ma abbiamo commesso un sacco di falli, abbiamo fatto tutto troppo di fretta. Quindi, non siamo riusciti ad arrivare a giocare la palla in attacco."  Il girone d'andata non è ancora finito e per Diarra questa è già la seconda espulsione. "Oggi Diarra ha giocato diligentemente. Quando ci sono molte lotte, a volte si arrivano a tanti corpo a corpo. Succede. Tuttavia, credo che lui abbia giocato una buona partita." Non pensi che oggi bisognava dare un'opportunità a quelli che non hanno giocato contro l'Ural? "Abbiamo avuto poco tempo per preparare il match, per questo ho preferito affidarmi alla solita squadra. Durante gli scontri, non siamo riusciti a migliorare il gioco." Nel prossimo incontro mancheranno sia Tarasov che Diarra. E' la volta buona per vedere Ozdoev titolare? "Ogni giocatore ha le sue possibilità, ora vedrò come tutti potranno esprimersi. Ozdoev era in panchina e come ogni panchinaro ha la possibilità di entrare in campo."

Lokomotiv Mosca - Tom' Tomsk 0-0
Lokomotiv: Abaev, Shishkin, Corluka, Durica, Denisov, Tarasov, Diarra, Tarasov, Diarra, Boussoufa, Samedov (Caicedo, 75), Maicon (Tkachev, 62), N'Doye (Pavlyuchenko, 75 ). 
Tom': Cebanu, Kisenkov, Milanov, Bordachev, Rykov, Jiranek, Bashkirov (Komkov 90), Ignatovich (Aravin, 84), Panchenko, Portnyagin, Holenda (Golyshev, 30).
Ammonizioni: 24' Rykov, 44' Bordachev, 58' Kisenkov, 58' Panchenko, 58' Tarasov, 65' Diarra, 72' N'Doye, 83' Cebanu. 
Espulsioni: 82' Bordachev, 82 (seconda ammonizione), 91' Diarra (seconda ammonizione).
Arbitro: Sergey Kuznetsov (Krasnozavodsk). 30 settembre, Lokomotiv Stadium, Mosca. 8.460 spettatori.

Pagelle.

Abaev 6 | Quelle poche volte che i 'Siberiani' attaccano e provano a rendersi pericolosi, lui risponde sempre presente. 
V. Denisov 5| Soffre incredibilmente Ignatovich sulla fascia. Quando prova ad avventurasi in attacco non risulta mai letale o incisivo.
Durica 5.5 | Troppi lanci lunghi e palle perse inutilmente. La colpa non sarà totalmente sua, ma dell'allenatore. E' impensabile che un giocatore come lo slovacco sia costretto a impostare la manovra.
Corluka 6 | Passo indietro rispetto alle scorse uscite per Vedran, che comunque nel complesso non concede nulla e si merita quindi la sufficienza.

Shishkin 6 | Spinge bene e con costanza, ma il Tom' si difende alla grande e lascia praticamente solo le briciole agli attaccanti rossoverdi.
Lassana Diarra 5 | Dopo una primo tempo discreto dove si rende protagonista di un paio di belle galoppate, nella ripresa crolla. Diventa nervoso, perde tanti palloni e, ciliegina sulla torta, si fa anche espellere (già la seconda volta in stagione da quando è arrivato). Nel complesso non è ancora entrato nei meccanismi della squadra nonostante un paio di lampi.
Tarasov 5.5 | Un altro nervoso è Tarasov, che però si batte ed è il primo a metterci la sostanza. Oggi non è bastato.

Boussoufa 5.5 | Il 'fantasista' della squadra è spento e così tutti ne risentono. 
Samedov 5.5 | Man mano che i minuti passano, Samedov esce dalla scena. Partita che non rispecchia il giocatore che abbiamo apprezzato anche con la nazionale russa.
Maicon | Dribbling poco efficaci e troppe simulazioni, o cosiddette tali. Spesso il brasiliano si trova a terra, ma l'arbitro non sembra neanche accorgersi di lui.
N'Doye 4.5 | Contro la coppia Jiranek-Rykov sulla carta il senegalese dovrebbe andare a nozze con la sua velocità. Invece si avventura in idee scontate e banali che gli valgono lo 'scettro' di peggior giocatore della partita.

Tkachev 6 Mezz'oretta di buon livello per Tkachev, anche se sulla fascia sinistra crea ben poco per mettersi in luce agli occhi di Kuchuk.
Caicedo 5| Ha sui piedi la palla del possibile vantaggio su torre di Pavlyuchenko, ma spreca. Questo è l'unico (possibile) assolo dell'ecuadoregno.
Pavlyuchenko 6Entra voglioso di fare e con un paio di belle torri di testa favorisce la manovra offensiva per i rossoverdi.
Kuchuk 5| La prima vera partita deludente della gestione Kuchuk. Niente idee, niente gioco e soprattutto niente assi dalla manica. Tutti sono umani e, come ampiamente prevedibile, anche il bielorusso dimostra di esserlo.

Statistiche e curiosità.
Partita numero 150 per Jan Durica nella massima serie russa. Il 31enne slovacco in totale ha le seguenti statistiche: 72 match e 2 reti con il Saturn, 78 gare e 5 gol con la Lokomotiv. per Shishkin, invece, è la numero 100 in maglia rossoverde. Grande vice-capitano! Questo è il quarto risultato utile consecutivo per i 'Ferrovieri', dopo le tre vittorie nell'ordine con Kuban', Dinamo e Ural. Per la prima volta in 10 turni gli uomini di Kuchuk non segnano almeno un gol.

La Molodezhnoye.
Va a valanga, invece, una convincente Molodezhnoye. Reti di Chukanov, del neo-acquisto Abilaev (con una gran bella punizione dal limite), del buon Lomakin e di Anton Miranchuk, ben servito da un sempre più decisivo Makarov. Da segnalare anche un rigore sbagliato da Koryan, che se lo era pure guadagnato. 'Ferrovieri' Primavera che ora sono quarti a meno uno dal Terek terzoPer la classifica: QUI.  

No comments:

Post a comment